Cerca nelCerca nelsitosito

 
Rss notizie Laura Pausini
RSS notizie Laura Pausini

 

Seguici su
LauraViaggioConTe su Facebook




GallerieGalleriefotografichefotografiche

Un'avventuraUn'avventura

 

Roma, 15/03/2009

 

 

La nostra avventura (perché effettivamente si tratta di un’avventura) inizia quando la Pausini si esibisce a Piazza di Spagna cantando "invece no"

 

PIAZZA DI SPAGNA:

Appena uscite da scuola faccio montare Bea sul mio motorino rosso, e viaaaa... Cassia, corso Francia, lungo Tevere e finalmente arrivate!!! Dopo una breve attesa... "Eccolaaa!!! scende dalla scalinata!!! che tacchi alti!!!"...momento di incredibile concentrazione... non cadere, non cadere, non cadere... ce l’ha fatta!!! Ha raggiunto la sua destinazione... ora Laura è visibilmente più rilassata!!!

 

Finisce di cantare, poi scompare. Bea ed io, fatta amicizia nel frattempo con fan sfegatatissimi di Laura, venuti da chissà dove, veniamo trascinate sotto il lussuosissimo hotel de Rousseau dove la cantante tiene delle interviste...

La mia amica ed io, che eravamo lì fondamentalmente per evitare il solito pomeriggio di studio disperato, ci guardiamo attorno, eravamo attorniate dai più accaniti fans... la cosa ci diverte e in qualche modo veniamo coinvolte dall’entusiasmo... una buona percentuale dei fans è gay, ed i commenti che volano quando dall’hotel esce Paolo Carta furono qualcosa di meraviglioso!!... "CHE MASCHIONEEEE"..."SIII IO LO CONOSCO perché L’EX DEL MIO EX è L’EX DEL CUGINO DI PAOLO CHE è GAY..."

Le risate che Bea ed io ci siamo fatte quel pomeriggio ci fanno venire voglia di andare ad un concerto di Laura … qualche tempo dopo partiamo alla ricerca dei biglietti...

 

 

UNA DISPERATA RICERCA:

Un piovoso pomeriggio d’inverno, Bea ed io partiamo per la missione... a causa della pioggia dobbiamo fare il tragitto con i mezzi, destinazione "Messaggerie Nusicali" a via del corso... chiacchierando chiacchierando il tempo passa velocemente ed in men che non si dica raggiungiamo la nostra meta.

Entriamo: "Salve! Vorremmo due biglietti per il concerto della Pausini".

"Ragazze, purtroppo sono finiti!"

Vabbè… non ci perdiamo d’animo: andiamo da Feltrinelli a Galleria Colonna, lì di sicuro li avranno!!! Cosi sotto la pioggia percorriamo tutta via del corso ed arriviamo...

"Spiacenti ma i biglietti sono terminati"...

 

A quel punto io, in uno stato di confusione, afferro il telefono, e digito il primo numero che mi viene in mente:

"Pronto?"

"Mamma... eh boh, sì,.. non lo so aaa maaa..."

Riattacco… perché avevo chiamato mia madre?? Non lo so, le ho blaterato qualcosa di totalmente insensato e ho riattaccato… Bea aveva osservato la scena e guardandomi perplessa :

"Ma sei scema?!?"...non faccio in tempo a risponderle che mi squilla il cellulare... era mia madre, probabilmente si stava domandando che cosa avessi cercato di comunicarle pochi istanti prima...

"I casi sono due" mi dice "O ti sei fatta una canna o ti è successo qualcosa"

"Guarda ma’, no no ma che canna!! Ti pare?!?!?! Non abbiamo trovato i biglietti, boh, non so perché ti ho chiamato …" insomma le racconto tutta la storia e lei ci consiglia di andare da “Orbis”… Orbis?? Ma cos’è?? Dov’è?... "Prendi un elenco telefonico" dice. "Senti se hanno i biglietti e in caso mi richiami che ti spiego la strada…" Oook allora Bea ed io, aggrappate a quest’ultima speranza, ci infiliamo in un negozio della galleria, ovviamente bagnate fradice e in jeans e scarpe da ginnastica entriamo nel negozio più elegante della galleria... timidamente facciamo per chiedere l’elenco quando mia madre richiama (con il risultato che tutto il negozio si volta a guardarci a causa della suoneria… si chiama chicken dance, ho detto tutto!!)… morale della storia la mia vecchia aveva contattato Orbis che aveva i biglietti disponibili così ci spiega la strada … io ripetevo a Bea le istruzioni...

Bea poverina non ci stava capendo nulla … "A destra, poi andate a sinistra, prendete l’autobus numero(…) e arrivate a piazzale dell’Esquilino …"

Ehm… ne io ne Bea avevamo capito la strada!!! "Ma ha detto prima a destra o prima a sinistra?!"

Vabbè dai, intanto arriviamo a fontana di Trevi, poi chiediamo!! Ci rimettiamo in marcia sotto la pioggia, sosta sigaretta (necessaria date le circostanze) Ormai trovare i biglietti era diventata una questione d’onore, non potevamo tornare a casa da sconfitte!! … a fontana di Trevi decidiamo di chiedere informazioni nella gelateria d’angolo… OVVIAMENTE il gelataio a cui ci rivolgiamo, che in quel momento era di spalle, è filippino e a malapena parla italiano, quando si gira io scoppio a ridere (risata isterica … noo vabbè non è possibile!!) Bea riesce a trattenersi e gli chiede ugualmente le indicazioni (ormai l’avevamo chiamato … pareva brutto andarsene). Chiaramente non otteniamo risposte …

 

Continuiamo a vagare per i vicoli romani, sotto una pioggia sempre più forte… ci imbattiamo in una piccola libreria… entriamo!!! "Salve! Scusi piazza dell’Esquilino?" il libraio, un vecchietto, ci scambia per turiste americane… ci inizia a parlare in un inglese maccheronico…"Oddio ci mancava questo!!!"… non c’era modo di interromperlo per fargli comprendere che eravamo italiane… continuava con il suo discorso … "No because you go left, then see un bar…poi gira a right e sei arrivated"… caapiraaiii Bea con i suoi corsi alla british, io che ho passato tredici anni di vita in una scuola inglese… ci faceva troppa tenerezza !!! stava in tutti modi tentando di aiutarci… dopo un quarto d’ ora abbondante riusciamo a fargli capire che siamo italiane, così lui ci spiega la strada e non contento ci regala una cartina di Roma poi ci saluta affettuosamente…

Di nuovo in strada, ma dotate di cartina ed informazioni, arriviamo alla fermata, prendiamo l’autobus e finalmente PIAZZA DELL’ESQUILINOOOO!!! Dopo tre giri della piazza, era ormai notte, ed Orbis era l’unico negozio senza insegna ne luci, entriamo!!!

Devastate, bagnate, stanche :"Scusi sono rimasti i biglietti per la Pausini?"

"Si, prato o primo anello laterale?" - non crediamo alle nostre orecchie!!!

Noi: "Il prato è quello dove ti accalchi, fai a botte, rischi la vita, ma riesci a stare davanti?"

"sì…"

"Vogliamo quelli!!!"

 

V I N C I T R I C I I I I I !!!

Dopo un’estenuante giornata--- si torna a casa!!!

 

 

15 MARZO: IL CONCERTO

Incredibile ma vero!!! Il giorno del concerto è arrivato… e Bea ed io ci andiamo!!!

È domenica mattina, la sera prima entrambe siamo andate ad una festa, quindi il rincoglionimento è al punto giusto!! e cosa tragica, il giorno dopo in prima ora, compito in classe di filosofia… !!!... alle undici arriviamo al Palalottomatica… pazzesco, c’è già gente fuori… anche noi, con i nostri zaini ci accampiamo e ci prepariamo alla lunga attesa. Cosi, sedute sull’asfalto, appoggiate alle transenne, apriamo i nostri libri di filosofia…” Socrate, la maieiutica. Platone, le idee, l’iperuranio… “ … la gente arriva sempre più numerosa… sono le due… e la ragazza seduta vicino a me è la “direttrice ufficiale” dei cori… [

"Cavolooo… Beaaaaa il comunismo platonico cos’èèèè???"

"In pratica Platone pensava che… "

"Marco se n’è andato e non ritorna più… non posso più restare ferma ad aspettare…NOOOO AMORE NOOOO"

 

"Verdi… qua cantano tutti …boh io non ci capisco più nulla…,"… effettivamente stavano veramente urlando tutti… era anche partito uno scontro tra cori, e le persone erano fomentatissime… gente da ogni parte di Italia, tutti adorano la Pausini, ne parlano come se fosse una vecchia amica..

 

"Vabbè Bea, lasciamo perdere Platone … caliamoci anche noi nello spirito pausiniano"

E infatti… poco dopo, riposti i libri, ci ritroviamo sdraiate per terra a cantare a squarcia gola---

Sono le cinque, la gente è sempre di più… e spinge, spingono tutti… tocca alzarsi in piedi… cantano tutti… passa il venditore ambulante… ed ecco fatto il danno… giuro, ho perso il conto di quanti caffè Borghetti ci siamo bevute… trooooppi… eravamo entrambe sotto gli effetti eccitanti del caffè e contemporaneamente sviate da quel qualcosa di alcolico che ci mettono dentro… miscela distuttiva!!

 

Sono le sette, manca un’ora "Cavolo, mi scappa la pipi’… e ora??"… altre ragazze sono nelle mie stesse condizioni … qui amiche tocca trovare una strategia!!... puntiamo un albero nascosto a pochi metri dalle transenne, una alla volta andiamo alla “toilet” scavalcando le transenne e tenendoci i posti in fila a vicenda!!” nei momenti di disperazione l’unica soluzione è la collaborazione!!

Sono le otto!!

I cancelli si aprono.. e viaaaaaaaa…. Parte la corsa disperata….

Beaaaaa siamo sotto al palcooo!!! Ce l’abbiamo fatta!!!

 

 

 

IL CONCERTO:

Inutile dire che il concerto è stato fantastico!

Laura è brava e simpatica, “divina” come piace tanto dire ai gay conosciuti in quest’avventura,

non è banale, sempre carica. la sua semplicità mi piace!

La mia amica ed io non siamo le  più sfegatate fan della Pausini. le nostre conoscenze nei suoi confronti si limitano alle canzoni: alcune ci piacciono,altre un po’ meno, alcune ci emozionano, in altre ci rispecchiamo.

Quest’esperienza mi ha divertito, è un ricordo che porterò sempre con me!

Dalla ricerca dei biglietti all’ubriacatura con il caffè Borghetti… ancora ci rido!!

 

Un grazie enorme va alla mia amica Beatrice, che mi ha accompagnato in queste follie sempre con un sorriso. Grazie Bea! Ti voglio bene!!

 

 

P.S. incredibilmente la compito di filosofia Bea prese 8 ed io 7 ½... ancora non riesco a capacitarmene, chissà, magari sentire Laura ci ha giovate!!!

 

 

 

Verdiana